Allarme data breach per T-Mobile: in vendita i dati di milioni di utenti?

Allarme data breach per T-Mobile: in vendita i dati di milioni di utenti?

articolo t mobile

L’operatore investiga su un annuncio pubblicato da un forum online: offerte le informazioni sensibili che potrebbero prevenire da un attacco informatico del 2018. La telco: “Impegnati a stabilire la veridicità della segnalazione”

16 Ago 2021
A. S.

T-Mobile è impegnata a capire se l’annuncio comparso nei giorni scorsi su un forum online che mette in vendita i dati sensibili di milioni di utenti, molti dei quali potrebbero essere clienti della compagnia telefonica, sia attendibile.
A destare le preoccupazioni dell’operatore è stato un approfondimento pubblicato da Motherboard, che ha detto di essere entrata in contatto con gli autori dell’annuncio, che avrebbero affermato di aver ottenuto i dati dai server di T-Mobile, compresi nomi, indirizzi, estremi delle tessere sanitarie e delle patenti di guida, di più di 100 milioni di persone.
Da parte sua T-Mobile, contattata da diversi mezzi d’informazione, avrebbe confermato di essere al lavoro per verificare l’attendibilità dell’annuncio.
Ciò che non è ancora chiaro è a quando risalga il data breach, dal momento che la telco sarebbe stata oggetto di diversi attacchi nell’ultimo periodo, come quello che risale a dicembre 2020, e che avrebbe riguardato le utenze telefoniche ma non altri dati sensibili dei clienti. Più gravi erano stati i cyberattacchi del 2018 e del 2019, in conseguenza dei quali sarebbero stati esposti dati sensibili di due milioni di utenti nel primo caso, e di nomi, indirizzi e numeri di account di un numero imprecisato di utenti nel secondo. Un attacco di marzo 2020, infine, avrebbe portato nelle meni dei criminali informatici le informazioni finanziarie di un gruppo di utenti.
Il prezzo delle informazioni messe in vendita dagli hacker sul forum online è di 6 bitcoin, parti a circa 270mila dollari, per un “pacchetto” che include i dati sensibili di 30 milioni di utenti.
@RIPRODUZIONE RISERVATA

• Articoli correlati

IL REPORT
Data breach: in Italia danni per oltre 3 milioni di euro durante la pandemia
28 Lug 2021


LE STIME
Data breach, per i brand una stangata da 223 miliardi di dollari
14 Giu 2021


IL CASO
Clubhouse, data breach nelle chat. Cresce l’allerta
22 Feb 2021


DATA PROTECTION
Data breach nella sanità, il Garante privacy sanziona due ospedali e una Asl
19 Feb 2021

Data breach, per i brand una stangata da 223 miliardi di dollari
Articoli correlati
1. Allarme data breach per T-Mobile: in vendita i dati di milioni di utenti?
2. Data breach: in Italia danni per oltre 3 milioni di euro durante la pandemia
3. Data breach, per i brand una stangata da 223 miliardi di dollari
4. Clubhouse, data breach nelle chat. Cresce l’allerta
5. Data breach nella sanità, il Garante privacy sanziona due ospedali e una Asl
Articolo 1 di 5
IL REPORT

Data breach: in Italia danni per oltre 3 milioni di euro durante la pandemia
Secondo uno studio del Ponemon Institute, promosso da Ibm, il costo per ogni informazione rubata è di 135 euro, valore quasi raddoppiato nell’ultimo decennio. Per identificare e contenere una minaccia informatica servono 250 giorni. Aumentano gli attacchi al settore della sanità
28 Lug 2021
Veronica Balocco

Articolo 2 di 5
LE STIME

Data breach, per i brand una stangata da 223 miliardi di dollari
Condividi questo articolo
I big della tecnologia, della finanza e dell’automotive sono le aziende più a rischio. Interbrand-Infosys mette nero su bianco gli impatti potenziali derivanti dalle attività di cybercrime a danno dei 100 maggiori marchi mondiali
14 Giu 2021
Patrizia Licata

ARTICOLO 3 MIILONI