Come Pegasus ha compromesso i sistemi telefonici del governo Uk di Giuseppe Gagliano

I sistemi telefonici appartenenti al governo britannico sono stati compromessi dal software di sorveglianza Pegasus, secondo un gruppo di ricerca canadese. L’accusa è stata fatta lunedì in un rapporto investigativo del New Yorker che si concentra su NSO Group Technologies, una società israeliana di sorveglianza digitale con sede vicino a Tel Aviv. L’azienda è dietro lo sviluppo di Pegasus, che è probabilmente il più potente software di sorveglianza delle telecomunicazioni disponibile nel settore privato. Pegasus è in grado di installarsi su telefoni mirati senza richiedere ai propri utenti di fare clic su un link o scaricare un’applicazione. Al momento dell’installazione, il software fornisce un controllo quasi completo di un telefono mirato. Ciò include la possibilità di sfogliare i contenuti del dispositivo, come fotografie e video, registrare conversazioni, nonché attivare il microfono e la fotocamera integrati del telefono in qualsiasi momento, senza il consenso o la conoscenza dell’utente. Secondo il New Yorker, le informazioni sull’uso del software Pegasus contro le reti telefoniche del governo britannico sono state divulgate dal Citizen Lab, un’unità di ricerca della Munk School of Global Affairs and Public Policy dell’Università di Toronto, che si concentra sulla tecnologia dell’informazione, sulla sicurezza internazionale e sui diritti umani. L’unità di ricerca ha detto di aver notificato al governo britannico nel 2020 e nel 2021 che un certo numero di sue reti telefoniche erano state infettate dal software Pegasus. Le reti compromesse sarebbero state utilizzate da funzionari del Foreign and Commonwealth Office, così come in 10 Downing Street, che ospita l’ufficio del primo ministro. L’articolo afferma che questa operazione è riconducibile a utenti degli Emirati Arabi Uniti, così come dagli utenti di India, Cipro e Giordania. Ciò non significa necessariamente che attori malintenzionati di questi paesi siano penetrati nei sistemi telefonici del governo britannico. Queste potrebbero essere spie di paesi terzi che operano all’estero; in alternativa, potrebbe esserci un legame con ignari diplomatici britannici, i cui telefoni cellulari governativi sono stati compromessi da Pegasus in paesi stranieri. Il Citizen Lab ha detto che non poteva essere sicuro di che tipo di dati potrebbero essere stati compromessi a causa della penetrazione. NSO Group Technologies era tra le due aziende israeliane che il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha inserito in una lista di sanzioni nel novembre del 2021. Secondo una dichiarazione rilasciata dal governo degli Stati Uniti, le due società si sono impegnate “in attività che [erano] contrarie alla sicurezza nazionale o agli interessi di politica estera degli Stati Uniti”.

regno unito