Ecco come la Cina si prepara alla guerra dell’informazione

Ecco come la Cina si prepara alla guerra dell’informazione

di Giuseppe Gagliano
Secondo un rapporto interno del PLA, l’Esercito popolare di liberazione cinese prevede di condurre estese operazioni di guerra non cinetica in qualsiasi conflitto futuro con gli Stati Uniti. L’articolo di Giuseppe Gagliano

Secondo un rapporto interno del PLA, l’Esercito popolare di liberazione cinese prevede di condurre estese operazioni di guerra non cinetica in qualsiasi conflitto futuro con gli Stati Uniti.
Il rapporto di 438 pagine, “Lectures on Joint Campaign Information Operations”, è stato tradotto e pubblicato dall’Air Force’s China Aerospace Studies Institute e rivela la strategia di ricerca del “dominio dell’informazione” sui nemici come un’arma importante che sarà un fattore chiave nella determinare la vittoria o la sconfitta in battaglia.
“Le forme manifestate di operazioni informative di campagna congiunte (IO) sono principalmente: guerra elettronica, guerra di rete, guerra di intelligence, guerra psicologica, guerra di distruzione fisica”, afferma il rapporto del 2009.
“Tra questi, la guerra elettronica e la guerra di rete sono le principali forme di IO”.
Le tattiche di guerra delle informazioni del PLA sono operazioni di informazione straniera prese in prestito nelle guerre recenti, principalmente operazioni statunitensi in Europa, Medio Oriente e Asia meridionale.
L’obiettivo della guerra dell’informazione è impadronirsi e controllare il “potere dell’informazione” danneggiando i sistemi informativi dei nemici, afferma il rapporto.
Come le forze armate statunitensi hanno dimostrato in passato, il PLA prevede di lanciare attacchi elettronici, condurre una guerra di rete di computer, condurre una guerra psicologica e impiegare l’inganno militare. Gli attacchi cercheranno di influenzare, danneggiare, interrompere e privare il nemico del suo processo decisionale militare umano e automatizzato.
Allo stesso tempo, la guerra delle informazioni richiederà la protezione dei sistemi PLA da attacchi elettronici e di rete stranieri.
Gli obiettivi in conflitto saranno radar e nodi di comunicazione su terra, mare, aria, cyberspazio e nello spazio.
“L’attacco elettronico include principalmente l’inceppamento elettronico, l’attacco con armi contro le radiazioni e l’attacco con armi per la guerra delle informazioni speciali e sottolinea maggiormente l’indebolimento e il danneggiamento dei collegamenti di trasmissione e raccolta di informazioni e gli obiettivi sono principalmente tutti i tipi di sistemi di informazione elettronica come l’allerta precoce sistemi di rilevamento, sistemi di comando e controllo e sistemi di comunicazione”, afferma il rapporto.
“L’attacco di rete include principalmente l’interruzione delle informazioni, l’infiltrazione di rete e l’attacco di virus e danneggiano principalmente la gestione delle informazioni del nemico attraverso la ricerca di “scappatoie” e “backdoor” della rete e l’obiettivo è principalmente sistemi informativi di tipo di rete.”
“L’attacco psicologico include principalmente propaganda psicologica, inganno psicologico e minaccia psicologica”.
Anche la guerra cinese combinerà e integrerà sia la guerra dell’informazione che la tradizionale guerra cinetica.
Il rapporto rivela come il PLA stia integrando operazioni informative in tempo di pace e in tempo di guerra utilizzate sia nel settore militare che in quello civile.
La guerra dell’informazione “è sconfinata e senza confini, intangibile e senza forma, e presente in ogni momento; e la linea di demarcazione in tempo di pace e in tempo di guerra tende a offuscarsi, in modo che i punti di forza dell’informazione in tempo di pace e di guerra siano sempre presenti”, afferma il rapporto.
Ma si tratta veramente di una rivelazione sotto il profilo strategico così sconcertante? O si tratta invece dell’ennesimo esempio di guerra di propaganda tra la Cina e gli Stati Uniti?
In realtà, gran parte delle cosiddette rivelazioni di questo report, sono già ampiamente contenute nel celebre saggio dei colonnelli cinesi Qiao Liang e Wang Xiangsui “Guerra senza limiti. L’arte della guerra asimmetrica fra terrorismo e globalizzazione”.
• 31 Ottobre 2021

ARTICOLO CINA